Regola nr. 10+1 per Essere il Migliore


Namastè

Riconosci il valore e il ruolo degli altri, ma anche il tuo ruolo e il tuo valore. Namastè è un saluto originario della zona dell'India e del Nepal. Viene usato comunemente anche in molte regioni dell'Asia. Non è un termine ma la fusione di una parola con un gesto che la accompagna. Il gesto di congiungere le mani, unendo i palmi con le dita rivolte verso l'alto, e tenendole all'altezza del petto, del mento o della fronte, facendo al contempo un leggero inchino col capo. A questo insieme, viene associato, come spesso succede in oriente, un significato spirituale e molto profondo il cui significato è: "unisco il mio corpo e la mente, concentrandomi sul mio potenziale divino, e mi inchino allo stesso potenziale che è in te."

Capii che la regola principale per poter essere ogni giorno migliori di se stessi è di rispettare il valore e il potenziale di ognuno. In un ambiente di lavoro, Namastè dovrebbe essere l’unico modo ri relazionarsi con i propri colleghi. Ognuno di noi ha un ruolo determinante per lo svolgimento del compito che gli è stato assegnato. Ognuno di noi ha il dovere verso se stesso di farlo al 100% delle sue potenzialità. Se il mio collega non fa altrettanto, non permetterò di impedirmi di fare sempre il mio 100, perché per me è l’unico modo per poter migliorare me stesso ogni giorno. Se l’azienda non mi ascolta, non permetterò di impedirmi di dare ogni giorno il mio 100, perché per me è l’unico modo per poter migliorare me stesso ogni giorno.

Ho capito che la mia ricerca per essere i migliori, dipende da me. Dipende da quanto io saprò dare tutti i giorni, giorno dopo giorno, il 100 di me stesso. Perché questo è l’unico modo che io conosca per avere sempre una vita migliore.

Namastè

#essereilmigliore #namastè #migliorare #ruolo #valore

0 visualizzazioni

© 2020 by HZERO SAS - Via Giotto 1 - 30172 Venezia Mestre - PIVA 04002720276

email: hzero@hzero.it  -  mob.: 333.7893735